02.48712455 info@studiorossihr.it

La misura per l’integrazione del TFR in busta paga, introdotta in via sperimentale nel 2015 dal governo Renzi, dopo 3 anni di sperimentazione non è stata oggetto di proroga e dunque, dal 1° luglio 2018, è cessato l’obbligo per i datori di lavoro di erogare il TFR insieme allo stipendio ai lavoratori che ne facevano richiesta.

L’INPS comunica infatti; “I lavoratori dipendenti del settore privato, in relazione ai periodi di paga dal 1° marzo 2015 al 30 giugno 2018, hanno potuto richiedere ai rispettivi datori di lavoro, in via sperimentale, di percepire in busta paga la quota maturanda del Trattamento di Fine Rapporto ( TFR)”, ma non essendo stato adottato dal legislatore alcun provvedimento di proroga o reiterazione delle disposizioni normative, i datori di lavoro non saranno più tenuti a erogare in busta paga la quota maturanda del TFR per i dipendenti che ne abbiano fatto richiesta”.

Dal 1 luglio 2018 è quindi terminata definitivamente l’erogazione della quota integrativa in busta paga.

Per ulteriori informazioni si prega di contattare lo studio.

 

 

Tiziana Biasion

Responsabile dello Studio Rossi, Consulente del Lavoro ed Amministratrice del personale di aziende italiane dislocate in Lombardia, Emilia Romagna, Lazio e di multinazionali con headquarters nel Far East.

Email: tiziana.biasion@studiorossihr.it