Con il messaggio n°1297 del 26 marzo 2021, l’Inps fornisce le prime indicazioni sulla gestione delle domande di cassa integrazione (ordinaria e in deroga), sull’assegno ordinario e sulla cassa integrazione speciale operai agricoli, in relazione alle disposizioni introdotte dal decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41.

LEGGI ANCHE:  Assegno unico 2022, giugno è l'ultimo mese per richiedere gli arretrati

Estensione dell’utilizzo del sistema del conguaglio per i trattamenti di cassa integrazione guadagni in deroga

 

In particolare, al comma 11, l’istituto segnala che al fine di razionalizzare il sistema di pagamento delle integrazioni salariali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, il comma 6 dell’articolo 8 del decreto-legge n. 41/2021, si estende la modalità di pagamento con il sistema del conguaglio a tutti i trattamenti connessi all’emergenza da COVID-19, compresi quelli relativi alla cassa integrazione in deroga.

Ricorda inoltra che, prima dell’intervento operato dal decreto Sostegni, l’utilizzo del sistema del conguaglio per i trattamenti di CIGD era limitato alle sole aziende plurilocalizzate in forza della previsione contenuta nell’articolo 22, comma 6-bis, del decreto-legge n. 18/2020.

LEGGI ANCHE:  Bonus 200 euro in busta paga a luglio, cosa deve fare il datore di lavoro

Quindi, con riguardo alle settimane di sospensione o riduzione delle attività lavorative relative ai trattamenti di cassa integrazione in deroga connessi all’emergenza da COVID–19 decorrenti dal 1° aprile 2021, i datori di lavoro interessati potranno avvalersi del sistema del conguaglio in alternativa a quello del pagamento diretto.